Home News Bandi e concorsi - ONSAI Avvio call Progetto OACA (Osservatorio dell’Architettura Contemporanea dell’Appennino)
Bandi e concorsi - ONSAI

Avvio call Progetto OACA (Osservatorio dell’Architettura Contemporanea dell’Appennino)

20 gennaio 2023

 

L’Ordine degli Architetti PPC della Provincia di Benevento, da sempre attento ai temi della marginalizzazione e spopolamento dei piccoli paesi, ha promosso il progetto OACA come iniziativa tesa alla riattivazione ed alla rigenerazione dei paesaggi delle aree interne, con la consapevolezza dell’importante ruolo che riveste, all’interno dei processi di trasformazione, l’acquisizione di una coscienza collettiva del senso di appartenenza ai luoghi, del valore dei territori e del ruolo che le comunità possono svolgere nel trasformare, co-evolvendo, i propri paesaggi.

Il progetto, operando in questa direzione, intende mettere in luce, attraverso una call ed una piattaforma collaborativa che ne raccoglierà gli esiti, le architetture realizzate nei territori delle aree interne che risultano fortemente connesse all’attivazione di processi, in quanto spazi propulsori di azioni di rigenerazione, architetture nate in seno ad iniziative di innovazione culturale, architetture generatrici di paesaggi, architetture ed insediamenti che hanno contribuito ad innescare diverse forme di sviluppo.

Il progetto, sotteso alla call, intende attivare, identificare e mappare le esperienze che hanno generato anche architetture di qualità realizzate nei territori interni dell’Appennino, sollecitando il racconto da parte di chi ne è stato protagonista.

Il sito dedicato è raggiungibile all’indirizzo: www.progettooaca.it su cui sono disponibili tutte le informazioni, il bando e la relativa scheda di adesione; attive, altresì, le pagine facebook ed instagram “progettooaca” per seguire l’evoluzione e l’implementazione del progetto.

La call è attiva, i partecipanti dovranno inviare, unitamente ai materiali prodotti (scheda di testo, video e immagini e il pdf della tavola A1), la scheda di adesione compilata e firmata e la liberatoria debitamente firmata entro e non oltre il 10 Marzo 2023.